Credito d’imposta del 30% sulle commissioni per i pagamenti elettronici

Credito di imposta del 30%
03set, 2020

Per utilizzare il credito d’imposta spettante a esercenti attività di impresa, arte o professioni pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate mediante carte di credito, di debito o prepagate e altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili, basterà utilizzare in compensazione tramite modello f24 il codice tributo:

  • “6916” denominato “Credito d’imposta commissioni pagamenti elettronici – articolo 22, decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124”. In sede di compilazione è esposto nella sezione “Erario” nella colonna “importi a credito compensati”

utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa

Il credito d’imposta dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione del credito e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d’imposta successivi fino a quello nel quale se ne conclude l’utilizzo.

REQUISITI

  • per le commissioni dovute in relazione a cessioni di beni e prestazioni di servizi 
  • rese nei confronti di consumatori finali dal 1° luglio 2020,
  • a condizione che i ricavi e compensi dell’esercente, relativi all’anno d’imposta precedente, siano di ammontare non superiore a 400.000 euro,

 I prestatori di servizi di pagamento che hanno convenzionato per l’accettazione di strumenti di pagamento al punto vendita, fisico o on-line (sui siti di commercio elettronico), devono trasmettere, almeno una volta al mese e per via telematica, l’elenco delle transazioni effettuate e le informazioni relative alle commissioni addebitate e corrisposte dagli esercenti, secondo le modalità e i criteri stabiliti dal Provvedimento della Banca d’Italia del 21 aprile 2020.

About The Author
Comunication and Marketing Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SCRIVICI SU MESSENGER