E-COMMERCE: le dogane chiedono più chiarezza per il consumatore sui documenti di accompagnamento

E-COMMERCE: le dogane chiedono più chiarezza
08feb, 2021

Alla luce degli incrementi degli acquisti online, con la Nota n 37837 del 4 febbraio (vedi qui), il Direttore delle Dogane interviene per incentivare gli operatori del commercio elettronico a dare “particolare attenzione e maggiore sensibilità nella esplicitazione delle singole spese che vengono addebitate al consumatore finale onde evitare che il medesimo possa incorrere in errore circa la natura delle stesse e l’effettivo beneficiario”.

Invita quindi gli operatori a distinguere chiaramente nei documenti le seguenti voci:

  • voci di spesa sostenute per i dazi
  • voci per l’IVA
  • altri eventuali oneri fiscali

ADM Agenzia dei Monopoli e delle Dogane è l’organismo a cui è demandata la regolamentazione e la vigilanza in materia di commercio internazionale.

In particolare la nota fa riferimento agli scambi commerciali UE-UK secondo il quale, grazie all’Accordo commerciale siglato il 24/12/2020, invia provvisoria dal 1 gennaio 2021 è fatto divieto di applicare e riscuotere i dazi doganali relativamente alle importazioni in Italia di merci originarie Uk.

Riepilogando le richieste sono:

  • non utilizzare  diciture  che possano indurre in errore i consumatori finali circa gli oneri e le spese sostenute in dogana
  • evidenziare con maggiore trasparenza quali oneri sono riferiti alle imposizioni tributarie accertate e riscosse dalla Autorità doganale e quali invece sono le spese relative ai servizi per la spedizione 

Per approfondimenti sulla brexit: leggi qui

Contattaci

Need Help?
SCRIVICI SU MESSENGER

Need Help? Contact Me!
SCRIVICI SU WHASTAPP
SCRIVICI SU WHASTAPP
About The Author
Comunication and Marketing Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SCRIVICI SU MESSENGER